Crea sito

Espulsioni M5S: chi sbaglia non paga, anzi si tiene tutto il malloppo!

È di queste ore la polemica di politica internauta circa la cacciata di una parlamentare pentastellata dal Movimento di Beppe Grillo, dopo che il 92,6% degli iscritti certificati ne ha votato l’espulsione partecipando attivamente all’ennesima consultazione lanciata dal blog dei 5stelle. Chi sbaglia paga, è la regola fondamentale del vivere civile.
Una regola alla quale i più, specie se onorevoli deputati e senatori della Repubblica, tentano in ogni modo di sottrarsi. Ora l’oggetto del contendere è il seguente: prima di essere eletto ogni candidato M5S ha sottoscritto una regola secondo la quale ogni mese il neo-parlamentare si taglia lo stipendio e dona quei soldi ad un fondo per far partire nuove imprese e nuovi posti di lavoro. A differenza di tutti gli altri suoi colleghi, l’espulsa, non avrebbe ancora restituito le eccedenze degli stipendi di Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre 2015, così come richiesto dallo Staff, nonostante i diversi solleciti. Quindi fuori! Ma chi sbaglia ha poi pagato sul serio? Sembrerebbe proprio di no, almeno in termini strettamente monetari, dal momento che gli espulsi dal Movimento – a furore di blog – si sono poi tenuti non solo gli arretrati delle eccedenze, ma soprattutto le future donazioni, godendosi per intero la diaria da parlamentare vita natural durante dell’attuale legislatura!

Lascia un commento

VOTA QUESTO ARTICOLO*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.