Crea sito

Il 2015 è andato meglio del 2014.

()
Più che una conferenza stampa e stato un vero e proprio show, un pezzo di avanspettacolo, una macchietta vecchia maniera che se non risolleva gli italiani dalla crisi economica e sociale di questo secolo, se non riesce neppure ad accendere un lanternino nell’infinito tunnel della crisi, almeno
fornisce argomenti e materiale al Salone Margherita di Pingitore e al Paese delle Meraviglie di Crozza! Infatti è il solito Matteo Renzi quello che sale sul palcoscenico durante la tradizionale conferenza stampa di fine anno. Il “premier senza voto” – pantaloni alla zompafosso, giacchettella risicata e faccia da ficoinbocca – sale sul podio, si pavoneggia, fa la ruota, snocciola dati che solo lui conosce e slide con tanto di logo del gufo per paragonare le previsioni pessimiste agli strepitosi risultati ottenuti, o presunti tali. Si autoincensa, si vanta di quello che ha fatto. Chiunque al posto suo sarebbe andato a nascondersi per quello che ha fatto e proverebbe vergogna per quello che non ha fatto! Ma lui è un politico di razza, il numero uno della televendita, un puro sangue venuto fuori dall’amplesso tra la 1ª e la 2ª Repubblica, e soltanto lui – un abusivo a Palazzo Chigi – può permettersi di dire che… “Il 2015 è andato meglio del 2014”!

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.