Zingaretti: “La ricandidatura di Virginia Raggi è una minaccia per Roma”.

di Redazione. Il nuovo segretario del PD ed ex premier, Letta-Stai-Sereno, incontra l’ex premier Conte, e futuro leader della nuova cosa che nascerà della ceneri del M5s, per rinsaldare l’alleanza a sinistra dello schieramento politico.

Intanto l’ex segretario del Nazareno, Nicola Zingaretti, ed attuale presidente della Regione Lazio, interpellato in merito alla sua possibile candidatura in Campidoglio dichiara:  “Io ho messo tutta l’anima sulla campagna anti Covid. Sono presidente della Regione Lazio fino al 2023, io faccio l’amministratore da 14 anni, in questa città e questa Regione ho sempre vinto le elezioni. Io mi auguro che questa mia comunità metta in campo altre risorse. Io voglio continuare a farlo”. 

“Sono stato il primo – ha aggiunto – a dire che la ricandidatura di Virginia Raggi è una minaccia per Roma, il mio giudizio non cambia, non confondiamo l’amore per Roma con il basso calcolo delle alleanze politiche. Non mi candido, vorrei continuare a portare avanti questa missione”.

3 Risposte a “Zingaretti: “La ricandidatura di Virginia Raggi è una minaccia per Roma”.”

  1. Non sono esattamente un estimatore der sor zagaia, ma quacno che c’ha ragione… c’ha ragione: manco da morto arivoterò mai più a sora virginia, me dovessero casca le p…

  2. Il sindaco di una città dove la gente muore per le buche in strada e gli animali si muovono indisturbati tra la monnezza si pretende intoccabile in quanto ‘giovane donna’ minacciata dalla criminalità. Virginia Raggi è ridicola oltre che palesemente unfit.

  3. Spero chi i romani prima del M5S e poi di tutti gli altri partiti di rendano conto che un sindaco così è inammissibile…Raggi sei patetica…puoi fare tutto ma non il sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.