Renzi: Con Draghi sono d’accordo al 101%!

di Matteo Renzi. Grazie! “ControCorrente” è primo nella saggistica politica ed è entrato nella classifica generale. Abbiamo fatto circa il doppio delle copie dello scorso anno nello stesso periodo: segno che ci sono interesse e curiosità, confermati dalle tante email che ricevo. Nei prossimi giorni faremo tappa a GallipoliBariTermoliPescara. Ma con questo libro gireremo tanto, fino alla Leopolda del 19-20-21 novembre.

Per acquistare “Controcorrente” clicca qui. Per partecipare agli eventi di presentazione di “Controcorrente”, registrati su prenota.matteorenzi.it.

1. Auguri Presidente! Buon compleanno al Presidente MATTARELLA. Ottant’anni oggi! E grazie per il servizio reso al Paese in questi anni al Quirinale. E dire che i grillini lo volevano mettere in stato di accusa per alto tradimento: per fortuna hanno cambiato idea anche su quello.

2. Il vaccino. “Chi invita a non vaccinarsi invita a morire”, ha detto Draghi in modo giusto, semplice e diretto. Io sono d’accordo al 101%. Ed è giusto utilizzare il Green Pass. I contagi cresceranno in modo esponenziale: chi si vaccina non si merita il lockdown, ma deve poter vivere come prima. Le zone rosse facciamole per chi non si vaccina, non per chi ha gli anticorpi.

3. Green Pass e sindacato. Trovo surreale la posizione di una parte del sindacato contraria all’utilizzo del Green Pass. Da sempre i sindacati si battono per la sicurezza dei lavoratori: e ora? Che è successo? La posizione di Landini è molto simile a quella della destra sovranista, ma è soprattutto molto lontana dalle esigenze dei lavoratori. Strano, no? Non troverete, tuttavia, articoli sull’asse Salvini – Landini, perché la maggioranza dei media è troppo impegnata a scrivere sull’asse Salvini – Renzi. Eppure siamo molto lontani, a cominciare proprio da vaccini e Green Pass, da Quota 100, dalle politiche europee e internazionali. Ma, evidentemente, il fatto di avere lo stesso nome impedisce a taluni di concentrarsi sui contenuti. Capita, si chiama superficialità.

4. Sulla legge Zan il Pd sta facendo melina per non votarla, per me è assurdo. Siamo in Aula, votiamo: perché rinviare? Vogliono davvero fare la campagna elettorale agitando la bandiera dei diritti? Possiamo dare diritti a omosessuali, transessuali, persone con disabilità prima delle elezioni amministrative: perché aspettare? Prima la Lega ha fatto ostruzionismo, ora il Pd fa melina. Noi vogliamo la legge, con le modifiche agli articoli 1-4-7 di cui abbiamo già parlato. I numeri ci sono: perché il PD adesso scappa? Ma non erano stati Pd e Cinque Stelle a dire di andare avanti, dopo l’intervento del nuovo leader Fedez al Concertone? E tutti quelli che dicevano: “Non c’è più tempo, approviamo la legge” che fine hanno fatto? Sono in una fase della mia vita in cui mi scopro allergico all’ipocrisia e dunque domando: chi sta bloccando la legge contro i crimini d’odio? Risposta: gli stessi che quella legge avevano chiesto di calendarizzare. Come mai hanno cambiato strategia?

 

Pensierino della seraGiuseppe Conte, quasi leader dei Cinque Stelle, mi ha attaccato, parlando dei miei contratti “da centinaia di migliaia di euro”. A Giuseppe Conte potrei proporre un dibattito sulle idee ma non vorrei metterlo in difficoltà (come si vede da questo video, l’ex collega ha idee e modi di esprimerle in linea con la tradizione grillina): dunque mi limito a chiedergli un confronto all’americana pubblico, in TV, sui miei contratti. E sui suoi contratti. E sui suoi rapporti. Io dico che ci divertiamo. Mi faccia sapere l’avvocato del popolo quando è disponibile, se se la sente. Io ci sono.

Un sorriso,


P.S. Nel libro “ControCorrente” ho scritto di una foto di quando ero piccolo, con mia mamma. In tanti mi state chiedendo di pubblicare quella foto, specie dopo l’assoluzione. È bello che una cosa personale sia avvertita come importante da molti di voi. La foto allora la metto qui, oggi. E vi dico grazie: mi piace l’idea di far parte di una comunità così sensibile e coraggiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.