Crea sito

Matteo Salvini, uno ingenuo o uno di parola?

di Redazione. Al cospetto di questa ennesima crisi di governo – ormai non si contano più quanti governi sono caduti prematuramente senza mai terminare un’intera legislatura – l’unica cosa che proviamo è un forte senso di nausea.

C’erano voluti tre mesi di tira e molla, un contratto di governo, per formare l’esecutivo Lega-M5s dopo che il Pd aveva giurato: “mai con i grillini”!

E c’è voluto poco più di un anno perchè quel governo vacillasse fino al voto di domani in Aula che dovrebbe votarne la fine, con gli ex comunisti associati agli ex democristiani sotto la bandiera del Pd che hanno cambiato idea dando la loro disponibilità ad un prossimo governo Pd-5stelle.

Una disponibilità non “piena”, dacchè come sempre accade da quelle parti, loro, i “sinistri” sono eternamente divisi. Nella fattispecie con il duo Renzi-Prodi favorevole ad un governo “giallo-rosso” e con Calenda che minaccia di andarsene e Zingaretti che fa il pesce in barile.

Ma se nascesse per davvero un governo “giallo-rosso” non ci sarebbe di che scandalizzarsi, così come non ci si è scandalizzati un anno fa quando Salvini e Di Maio andavano d’amore e d’accordo a Palazzo Chigi.

Si dà il caso che il Quirinale sia tenuto, prima di sciogliere le Camere, ad esperire una serie di tentativi per costituire una maggioranza alternativa a quella sfiduciata.

Quindi dove sta lo scandalo?

Semmai lo scandalo – e qui il senso di nausea si traduce in vomito – è dato da coloro che fino a ieri giuravano “mai con i 5stelle” e oggi che annusano l’odore del sangue e la possibilità di tornare al potere, si sono rimangiati tutto e hanno cominciato a flirtare con i grillini.

Ma questi sono problemi che i piddini dovranno chiarire al loro interno e spiegare ai loro elettori.

Il fatto è un altro. Salvini è stato uno “ingenuo” o uno “di parola” a rompere l’alleanza con i 5 Stelle?

UN INGENUO, se pensava che si sarebbe andati ad elezioni anticipate, perché, lui, politico di lungo corso, avrebbe dovuto sapere che in Parlamento Di Maio ha il 33 per cento dei senatori e dei deputati, mentre la Lega è ferma al 17 e che in politica comanda chi ha ottenuto più consensi e non chi primeggia nei sondaggi o vince altre elezioni.

UN UOMO DI PAROLA, e quindi un politico di razza, se ha aperto la crisi perché il governo, e quindi il paese, è praticamente fermo. E’ ormai da troppo tempo che Salvini dice che ci sono ministeri chiave in mano a figure non adatte alle sfide che attendono l’Italia: un paese che si aspetta dei sì, soluzioni, azioni, investimenti e non soltanto dei no.

E allora ha fatto bene Matteo Salvini a porre fine ad un governo fermo su tutto che stava dando l’idea del parassita che senza lavorare si gode il reddito di cittadinanza. Salvini questo non poteva permetterlo. La Lega è idee, anima e cuore, coraggio e azione, tramutate nel partito del fare. Questa è la vera e grande forza della Lega, un valore aggiunto che nessun altro partito può vantare e che mese dopo mese ha avvicinato al Carroccio italiani che prima neppure se lo sognavano di votare per Alberto da Giussano.

Adesso per Matteo Salvini inizia la partita vera: non sciupare il consenso capitalizzato in questo anno di governo, ma investirlo bene per accrescerlo e vincere quelle elezioni che non ci saranno domani, ma dopodomani certamente sì!

2 Risposte a “Matteo Salvini, uno ingenuo o uno di parola?”

  1. Alla luce degli ultimi sviluppi una considerazione e una premessa.
    Salvini si è accorto , in ritardo e mal consigliato, che le elezioni anticipate mai potranno avvenire e dunque la capitalizzazione del consenso deve essere rimandata.
    La crisi dopo il 20 avverrà e toccherà a Mattarella decidere. Ma la suspense sarà all’acqua di rose.
    Mattarella , mai acconsentirà di andare alle elezioni anticipate, e dunque si aprirà per lui una scelta . La scelta non scelta è ricomporre un altro governo che assicuri e rassicuri la UE ed eviti messe in scena come quelle della furia francese e ritirata spagnola. Dunque un governo che la smetta con teatrini di burlesche . E qui solo un governo M5S e PD può dare queste garanzie. Questo si può manifestare con un governo tecnico e l’appoggio dei due partiti con personaggi di “alta levatura e dirittura morale di affidabilità europee e di politiche di austerity” Darebbe un carattere di governo di scopo, o di garanzia, di responsabilità, che garantisca il taglio dei Parlamentari con conseguente taglio di democrazia verso una oligarchia tecnocratica sempre maggiore. Il completamento delle grandi opere ( leggi TAV) e le privatizzazioni con il taglio ulteriore a quel che rimane del welfare. Ma nulla di quel che è stato fatto, contestato dal PD, verrà cancellato, Dal decreto dignità a quelli della sicurezza uno e bis.
    L’IVA sarà sterilizzata, ma con aumenti di tassazioni dirette ed indirette manovra da oltre 30 miliardi.
    E questo consentirà alla destra di Salvini a stringersi a coorte con la destra a doppio petto e con quella più scapigliata alla Meloni, consolidandosi, e rafforzando le sue posizioni xenofobe e razziste.
    Se ne riparlerà a dopo il 2023

  2. In politica stiamo assistendo ad una situazione caotica, ad una grande confusione di idee e sentimenti, mancanza di punti fermi, disordine di idee, valori e punti di riferimento.

    Tutto ciò è alimentato dal modo di agire di alcuni leader politici che assumono comportamenti del tutto imprevedibili e irregolari, incoerenti, privi di qualsiasi forma di correlazione tra stati successivi. Questa situazione crea disordine, in altre parole il Caos, La politica è in uno stato confusionale, dobbiamo evitare che nel CAOS ci finisca l’Italia intera.

    Nei sistemi complessi, come il clima, il mercato azionario o la politica, la conseguenza pratica e l’entità degli effetti di un comportamento sono difficilmente prevedibili e potenzialmente notevoli. Una singola azione, apparentemente insignificante, può determinare imprevedibilmente il futuro. Tutto ciò è ben rappresentato dalla metafora: “il batter d’ali di una farfalla in Brasile, può provocare un tornado in Texas” usata da Lorenz nel 1962 per rappresentare la teoria del Caos.

    Per gli antichi greci, del resto, il Caos o Chaos (in greco antico: Χάος,) è l’entità primigenia dal quale discende Gaia (la terra), ma attenzione: il Caos è anche genitore di Erebo, la personificazione dell’oscurità (gli inferi) e di nera Nyx la notte.

    Auguriamoci che chi ci governa (o ci “ri-governa”, in tutti i sensi) abbia capito a quali rischi esponga i governati auguriamoci che la facciano finita con le capriole, i salti mortali, le inversioni ad U e le politiche assurde.

    Se si andrà di nuovo al voto, cosa che a parere di chi scrive appare inevitabile al fine di fare chiarezza, auguriamoci che gli italiani sappiano prendere una direzione, qualunque essa sia, che almeno sia chiara e coerente, altrimenti sarà davvero il CAOS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.