Crea sito

La corsa a chi riapre per primo!

()

di Redazione. Ad inizio pandemia c’erano in Italia due “tifoserie”: chi era per chiudere tutto, chi poco e niente! Ora è del tutto irrilevante chi fosse da una parte e chi dall’altra dal momento che per la maggioranza e l’opposizione politica di questo paese, sempre diviso in tutto e per tutto anche quando si tratta di situazioni emergenziali e tragiche come quella del Covid-19, è del tutto normale che quando è il governo a dire “bianco”, l’opposizione debba dire “nero”, e viceversa. Con le dovute eccezioni del caso, a confermare la regola, che anche all’interno di maggioranza e opposizione ci sono le inevitabili divisioni (Vedi per il Mes. Governo: Pd Sì, M5s No. Opposizione: FI Sì, Lega e FdI No)!

Eppure il contatore della Protezione civile non si ferma. Ogni giorno contiamo centinaia di morti, ma dopo le divisioni e le polemiche sulla “chiusura”, adesso c’è la corsa disordinata, scomposta a chi “riapre” per primo, come se il contagio fosse stato sconfitto, i decessi azzerati ed il vaccino inoculato a tutta la popolazione!

Pur tuttavia, è fisiologico che prima o poi bisognerà tornare tutti a lavorare, a studiare e a vivere anche fuori di casa, e per questo la scadenza del 3 Maggio sembra la più ragionevole.

Dal 4 Maggio, infatti, l’Italia prova piano piano a tornare alla “normalità”. Fino a quel giorno sarà in vigore il “lockdown” imposto dal governo. La linea sin qui seguita è stata molto rigorosa, certamente più che nel resto dell’Occidente, anche se i risultati non ci rendono orgogliosi: il nostro tasso di mortalità risulta il più alto al mondo, mentre il numero dei contagi continua a crescere nell’ordine delle tre migliaia al giorno come minimo. 

Ma non possiamo permetterci il lusso di restare chiusi dentro casa fino a quando tutto sarà finito, anche perchè non lo sappiamo!

Per contro quello che desta maggiori preoccupazioni è che Governo, Regioni e Comuni non si stanno preparando alla “riapertura”: non si stanno attrezzando per limitare i rischi del contagio ai quali verrà esposta la cittadinanza contro un virus che ancora non è stato sconfitto.

Allora che facciamo? Riapriamo!? Sì, va bene, ma come?

Come intendono mantenere il “distanziamento sociale” di almeno un metro e mezzo su autobus, tram e metro?
Le mascherine saranno obbligatorie? Sì! E allora sarà lo Stato a distribuirle gratuitamente ai cittadini oppure saranno lasciate al mercato degli speculatori?
Al pronti (maddechè), partenza, via, quando tutti noi saremo “autorizzati” ad uscire di casa, verrà effettuato un tampone o uno straccio di test per diagnosticare che non andremo a contagiare o ad essere contagiati da amici, parenti, colleghi di lavoro, compagni di studio,ecc, ecc?

Ecco, della destra, della sinistra, del centro e delle loro avvilenti e squallide polemiche, poco ce ne importa, quando le risposte che i cittadini aspettano a tutela della propria salute sono eluse, confuse o del tutto assenti!

Quante migliaia di morti ancora dovremo contare fino a che qualcuno ci dia delle risposte chiare? Di quante vittime e di quanti giorni di clausura ancora abbiamo bisogno per capire che i nostri destini sono legati e che ciò che accade in una Regione o in un Comune condiziona pesantemente ciò che accade in tutto il resto del Paese?

Errare è umano, e si è “errato” molto, troppo. Ma perseverare è diabolico!

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.