Cara, vecchia, povera Italia, #StaiSerena?

di Redazione. Renzi rassicura Conte e Conte prova a rassicurare gli italiani: “L’alleggerimento della pressione fiscale a partire dalla riduzione delle tasse sul lavoro, una nuova agenda di investimenti “verdi” e un piano strutturale di interventi per il Sud sono priorità che siamo determinati a mettere al centro della prossima manovra”. 

Così il premier Conte nel corso dell’incontro con i sindacati sottolineando come ci sia un quadro di finanza pubblica con vincoli ben precisi. “Vogliamo tenere i conti in ordine – ha aggiunto – sarà fondamentale una seria lotta all’evasione fiscale. Tutti devono pagare le tasse per pagarne meno”.

Tante belle parole, le solite che ci sentiamo dire da una vita. Tante buone intenzioni, ma senza sostanza: i soliti luoghi comuni, i soliti sogni rimasti chiusi nel cassetto. Infatti, oggi a pagare le tasse sono sempre i “soliti fessi”, lavoratori dipendenti e pensionati, a fronte di retribuzioni da fame, dopo la scellerata entrata dell’Italia nella moneta unica che è costata alla “gente per bene” di questo paese lacrime e sangue: tasse, salari, pensioni e risparmi dimezzati, costo della vita triplicato, con le case che non valgono più niente, se non per il fisco che continua a spremerne i proprietari come fossero limoni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.