Crea sito

La mia quarantena.

()

di Mery Ferro. Essermi trovata chiusa in casa 24 ore su 24 con mio marito e mio figlio è stato il più potente fulmine a ciel sereno.
Era un sabato mattina quando ho vestito mio figlio con il costume di carnevale più in voga in questi ultimi anni, la tutina rossa e le lunghe orecchie nere di un coniglietto che vive in una favola a puntate in cui ogni puntata termina con una morale.
Siamo andati ad una festa aperta a tutti i bimbi della città ed anche se era divertente stare lì pensavo che sicuramente mi sarebbe piaciuta di più la festa di martedì grasso dato che avrebbero partecipato solo mio figlio e i suoi amichetti.
Il venerdì precedente mamme e nonne si erano messe d’accordo per le pietanze da preparare per il brunch, io su due piedi non avevo idee ma siccome la notte porta consiglio, decisi di preparare i biscotti al cocco.
Già alla domenica avevo tutti gli ingredienti in casa quindi li avrei preparati il lunedì sera sul tardi per averli freschi il martedì in tarda mattinata.
E invece il lunedì mattina tutto era già chiuso e tutte le iniziative di aggregazione come le feste per bambini erano sospese e vietate.
Pensai: “Ok, è tutto rimandato di una settimana soltanto. Anche se sarà già tempo di quaresima, non è vietato vestire i bambini con i costumi carnevaleschi e fare un brunch.”
Non fu così perché i giorni sono diventate settimane e il decreto ha iniziato ad aggiornarsi giorno dopo giorno obbligando tutti a chiudersi in casa.
Mio figlio da più di un mese non gioca con un altro bambino perché ci è vietato andare al parco. Inizialmente mi chiedeva se i bimbi sono a nanna ed io gli rispondevo di sì e dopo qualche giorno ha smesso di fare domande.
Poi si è accorto che non andavamo più dai nonni e sentiva solo le voci al telefono quindi mi chiedeva se hanno tanta bua e io gli rispondevo di sì e adesso non fa più domande e si è abituato a sentirli per telefono.
Le nostre giornate prive di vita sociale sono scandite dalla costruzione di torri con i mattoncini e i cartoni animati.
Mio marito è quello che esce per buttare l’immondizia e fare la spesa ed è anche quello che cucina.
Il weekend è dedicato alle pulizie e facciamo ciò che possiamo non potendo più portare il bambino dai nonni.
Le serate le passo a guardare e commentare dei video mentre mio figlio guarda i cartoni animati con mio marito fino a quando si stanca.
È dura per me che sono abituata ad avere una vita sociale e che avendo amici veri, non ho mai sentito il bisogno di guardare una persona che racconta i suoi interessi sui social e provare a fare amicizia diventando una dei followers.
Ma dico sempre a me stessa che ne usciremo.
Mio figlio andrà a scuola, ritroverà alcuni amichetti e se ne farà di nuovi, giocheranno insieme, io riprenderò in mano la mia vita sociale e tutto questo lo ricorderò come un brutto sogno.

Vota questo post

Seguici sui social media!

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Freeskipper Italia

Freeskipper Italia - Il Social Network che fa opinione.

Ti potrebbe interessare anche...

5 Risposte

  1. ilenia-pa ha detto:

    Cara Mery, almeno tuo marito cucina… a me mi tocca fare tutto, non ne posso più non vedo l’ora che tutto finisca! Poi però mi riconsolo con il fatto che c’è tanta gente che sta peggio di me e che sta combattendo contro il terribile virus, A volte me ne dimentico…. ma se ci penso ringrazio Dio di come sto e di dove mi trovo, anche se è dura combattere con marito e figli h24!!!

  2. valeria ha detto:

    Mi spiace per chi non va d’accordo ma io e il mio compagno ci amiamo alla follia e in questi giorni di quarantena non so dirvi quante volte abbiamo fatto l’amore…

  3. dany ha detto:

    Questa pandemia – a quanto si apprende dai media – sta generando non solo morti e ammalati, ma anche separazioni e divorzi!!!

  4. Ludo'70 ha detto:

    Tanto c’è l’anonimato e posso dirvi la verità…
    Io sto con mio marito solo per salvare la forma e la faccia e questi giorni insieme sono peggio del’inferno, non vedo l’ora di tornare a lavoro dove ho chi mi aspetta!!!

  5. maria grazia ha detto:

    Se si va d’amore e d’accordo questa quarantena è stata – seppure nel male della situazione generale – anche un bene, come è accaduto a me e alla mia famiglia che stiamo in buona salute e che stiamo vivendo questi giorni insieme tanto, ma tanto bene… insieme!!!
    Saluti e Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.