Crea sito

La popolazione mondiale continua a crescere, ma le risorse alimentari sono insufficienti per sfamare tutti quanti!

di Redazione. Sembra proprio che i soli a non crescere da tutti i punti di vista, ovvero sia in termini di Pil che dal punto di vista demografico, siamo soprattutto noi italiani. Quando invece in tutto il resto del mondo industrializzato c’è crescita economica anche se è in netta frenata quella demografica, soprattutto nel Vecchio continente, mentre la popolazione aumenta in termini esponenziali proprio nei paesi meno avanzati, con l’eccezione degli Stati Uniti che crescono sia ricchezza che in numero di abitanti.

La popolazione mondiale, in assenza di politiche demografiche di contenimento, continuerà quindi a crescere, e già ora lo fa con un tasso di circa 83 milioni di nuovi individui l’anno. Stando all’ultimo rapporto presentato dalle Nazioni Unite, il World Population Prospects 2019, nove Paesi faranno da soli più della metà della popolazione globale prevista da qui al 2050 e sono: India, Nigeria, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, la Repubblica Unita di Tanzania, Indonesia, Egitto e Stati Uniti d’America. L’Europa, invece, sarà irriconoscibile. Nella migliore delle ipotesi gli europei saranno complessivamente 628 milioni.

Sulla Terra vivono 7 miliardi e 762 milioni di esseri umani. Ma noi, oggi come oggi, siamo in grado di produrre in modo sostenibile cibo per appena 3.4 miliardi di persone. Per contro, la fame, la povertà, le carestie e le guerre non limitano l’attuale tasso di crescita, tutt’atro. Infatti da qui ai prossimi 30 anni, l’umanità sfiorerà quota 10 miliardi, con inevitabili conseguenze che ricadranno sulle future generazioni.

I primi problemi già si stanno palesando, e sono rappresentati dai flussi migratori in costante aumento e dalle risorse limitate per quanto riguarda soprattutto cibo e acqua.

A lanciare l’allarme è stato un team di ricercatori del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK) che, attraverso le pagine del Nature Sustainability, chiariscono in maniera inequivocabile quanto sia realmente grave la situazione.

Popolazione-mondialePiù della metà della produzione alimentare risulta essere insostenibile, l’acqua scarseggia e questo significa che l’uomo sta arrecando dei danni irreparabili al Pianeta Terra. Infatti, per produrre cibo stiamo compromettendo l’ecosistema: sottraiamo terra per allevamento e coltivazione intensiva, fertilizziamo ed irrighiamo troppo mettendo in pericolo il ciclo dell’acqua, questi i principali problemi.

La situazione è grave, ma c’è ancora tempo per cambiare agendo il prima possibile su diversi fronti:

“Rinaturalizzazione” degli allevamenti nelle aree in cui più del 5 per cento delle specie sono a rischio estinzione.
“Riforestazione” dei terreni coltivati laddove più dell’85 per cento della foresta tropicale è stata disboscata.
“Riduzione” dell’uso dell’azoto nei fertilizzanti. In altre parole, si tratterebbe di spostare parte delle attività agricole e di allevamento da zone sottoposte a “stress ambientale” elevato (Cina orientale ed Europa centrale) verso altre in cui i limiti ambientali sono distanti dall’essere superati, come il Nord-Ovest degli Stati Uniti e l’Africa sub-Sahariana.
“Modificare” le abitudini dell’alimentazione su larga scala optando per un “pasto sostenibile”.

Il che vuol dire che dovremo comunque imparare a ridurre lo spreco alimentare (circa il 30 per cento del cibo oggi prodotto viene gettato ancor prima di finire in tavola). In secondo luogo dovremmo rimpiazzare quote sempre maggiori di proteine di origine animale con legumi e altri vegetali o, perché no, con gli insetti.

3 Risposte a “La popolazione mondiale continua a crescere, ma le risorse alimentari sono insufficienti per sfamare tutti quanti!”

  1. AGFLAZIONE ovvero inflazione dei prodotti agricoli, un aspetto del problema ottimamente riportato dall’articolo della Redazione. L’AGRICOLTURA in Italia è da sempre un settore cenerentola, l’industria soprattutto quella dell’Auto ha avuto aiuti stratosferici, mentre l’AGRICOLTURA solo le briciole. Rilanciare la nostra AGRICOLTURA è per l’Italia fondamentale.
    Sono dell’idea che una politica equlibrata per il contenimento delle nascite sia necessaria.
    La popolazione aumenta o diminuisce di 4 volte, la produzione agricola di sole 2 volte, vedere Malthus. Questo è un argomento che in primis la Chiesa dovrebbe affrontare. Difendere la vita e dire No all’aborto mi trova favorevole, ma se poi si fanno nascere dei bambini per condannarli alla fame ed alla miseria è un non senso. Difendere la VITA = garantire a chi nasce una vita dignitosa e decorosa altrimenti mi pare un gigantesca presa in giro.

    1. Purtroppo o per fortuna non siamo noi a dover decidere chi deve venire al mondo e chi no, certo è che se nei paesi sottosviluppati facessero una profilassi per le gravidanze indesiderate forse sarebbe una soluzione al problema oltre al fatto che in quelle zone del mondo bisognerebbe andare non per sfruttare ma per portare progresso e civiltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.