Pasqua e uova… ma il cioccolato fa bene o fa male?

di Redazione. Pasqua ormai è alle porte e sulle tavole degli italiani oltre alla classica colomba non mancherà il tradizionale uovo al cioccolato. Saranno oltre 5 milioni le uova di cioccolato artigianali a finire sulle tavole italiane in occasione della Pasqua. A stimarlo è l’Osservatorio Sigep il salone mondiale del dolciario artigianale organizzato da Italian Exhibition Group, la cui prossima edizione è in programma a Rimini dal 18 al 22 gennaio 2020.

E allora torna la fatidica domanda: ma la cioccolata fa bene o fa male? Come in tutte le cose la risposta non può che essere la moderazione. Infatti, se consumato senza eccessi, il cioccolato può avere effetti benefici per la salute. Per fare chiarezza sui mitì del cioccolato, Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione che fa parte di Federchimica), ha stilato un “vero/falso” per scoprire i reali benefici del cioccolato per la nostra salute.

Il cioccolato aiuta a vivere più a lungo? VERO. Una ricerca dell’Università di Harvard, che ha seguito un campione di 7.841 persone di 65 anni per cinque anni, ha riscontrato come coloro che mangiavano cioccolato tre volte al mese vivevano più a lungo (36% di rischio di mortalità in meno) rispetto a quelli che ne facevano a meno. E anche per i più golosi che tendevano a esagerare, il vantaggio in termini di rischio di mortalità era comunque presente, seppur più basso.

Il cioccolato fa male al cuore? FALSO. Al contrario, il cioccolato, grazie alla presenza di flavonoidi ad azione antiossidante riduce l’ossidazione dei grassi nel sangue, può aiutare a limitare il danno dei radicali liberi sulle arterie, agendo come protettore dei vasi sanguinei e a beneficio del cuore.

Il cioccolato aiuta a combattere la stanchezza? VERO. Contiene sostanze quali la teobromina e piccole quantità di caffeina, responsabili del senso di ‘risvegliò che danno il caffè e il tè. 125 grammi di cioccolato darebbero, infatti, tanta caffeina quanto una tazza di caffè. Inoltre, gustare una piccola porzione di cioccolato fondente tre volte a settimana, aiuterebbe a ridurre i sintomi della sindrome da stanchezza cronica, agendo come naturale ‘rifornimento’ di sostanze anti-stanchezza inclusi alcuni minerali e soprattutto il magnesio e il potassio.

Il cioccolato rovina i denti? FALSO. Studi hanno dimostrato che il consumo regolare di cioccolato non crea particolari problemi ai denti, a meno che non si esageri con quelli eccessivamente zuccheratì.

Il cioccolato è un antidepressivo? VERO. Ricerche accreditano il cioccolato tra gli antidepressivi naturali dal momento che favorisce l’attività della serotonina, un neurotrasmettitore implicato nella genesi del buon umore. La stessa attività antidepressiva potrebbe spiegare il possibile ‘vigorè psicofisico che dà il cioccolato.

Il cioccolato fa ingrassare? FALSO. È stato dimostrato come il cioccolato, specialmente fondente con un contenuto di cacao superiore al 70%, non solo non faccia ingrassare ma anzi abbia proprietà benefiche da questo punto di vista. Il cacao è, infatti, ricco di teobromina, una sostanza in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e ridurre il senso di fame.

Infine, la domanda che divide gli appassionati: Meglio al latte o fondente? Per la salute si consiglia il consumo di cioccolato fondente poiché quello al latte contiene un maggior quantitativo di zuccheri, proteine e grassi, mentre il fondente ha al suo interno una quantità superiore di sostanze benefiche per l’organismo come il magnesio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.