Crea sito

La Russia teme il trumpismo di Duda in Polonia.

di Attilio Runello. La Polonia è ritornata alla ribalta per le elezioni politiche tenutesi il 28 giugno. La sfida è fra Duda e Trzaskowski, il primo premier in carica e il secondo sindaco di Varsavia. Il primo rappresentante del partito Diritto e giustizia – considerato populista e trumpiano – e il secondo rappresentante del partito Piattaforma civica – considerato europeista e liberista.
Mentre scriviamo gli exit poll danno Duda in netta maggioranza, ma non sufficiente ad evitare il ballottaggio, che si terrà il 12 luglio.
Ma che cosa vuol dire trumpiano e che cosa vuol dire europeista nel caso della Polonia?
Duda ha formulato un accordo con gli USA per la realizzazione di una basa militare americana in Polonia, naturalmente in funzione anti russa.
Anche in assenza di minacce russe nei confronti della Polonia i polacchi sono consapevoli della vicinanza della Russia, addirittura ai confini della Polonia nella enclave di Kaliningrad, e della politica aggressivadella Russia di Putin nei confronti di Ucraina e Georgia.
Sono consapevoli che l’Unione europea non costituisce una difesa militare.
La questione della dipendenza energetica in Polonia è vista in modo molto diverso da Bruxelles e dalla Germania.
La Polonia di Duda ha stretto accordi con gli USA per forniture di gas che siano in grado di soppiantare quelle russe, da cui al momento la Polonia dipende.
In Europa invece si lavora per la realizzazione di Nordstream2, un gasdotto che passando attraverso il baltico in acque territoriali svedesi, finlandesi e danesi porterà gas russo in Germania.
Trump ha apertamente rimproverato la Merkel sul Nordstream. Lo stesso aveva fatto Obama, sia pure in modo più diplomatico.
Insomma il trumpismo di Duda consiste nella volontà di realizzare la base militare e in quella di rendersi indipendente dagli approvvigionamenti di gas russi.
Al tempo stesso bisogna ricordare che Duda ha sostenuto fortemente la Baltic pipe, un gasdotto che porterà con finanziamenti europei gas dalla Norvegia alla Polonia – attraverso la Svezia e la Danimarca.
Su un piano militare bisogna ricordare che
Kaliningrad è una gigantesca piattaforma di lancio corazzata per missili balistici e strategici. E si trova al confine fra Polonia è Lituania.
La Polonia di Duda cerca di dare risposte concrete alle esigenze di sicurezza del suo popolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.