Scoperta la molecola che neutralizza le zanzare.

Fastidiosissime, insistenti e persistenti a qualsiasi spray, ti ronzano attorno per poi sferrare l’attacco finale e succhiarti il sangue, lasciando sulla pelle delle grosse bolle causa di non pochi fastidi e immancabili pruriti. Sono le zanzare, il nemico numero uno per la tranquillità delle nostre estati. Ma oggi sembra essere stata messa a punto una molecola che ha del miracoloso: intorpidisce l’olfatto delle zanzare tanto da renderci “invisibili”. Insomma, è allo studio una nuova tipologia di sostanze repellenti in grado di neutralizzare il loro potente olfatto. I progressi fatti da un gruppo di ricercatori del dipartimento statunitense di ricerca in ambito agricolo sono stati presentati in occasione del convegno della Società Americana di Chimica.
Al di là dei fastidiosi pruriti dei pizzichi, le zanzare rappresentano un vero problema in campo sanitario in quanto sono vettori di numerose e pericolose malattie per uomini e animali domestici. Tra malaria, encefaliti e altre malattie si stima che le zanzare siano responsabili di oltre un milione di morti l’anno in tutto il mondo, in particolare nelle regioni tropicali. Nella costante ricerca di molecole in grado di tenere lontani questi insetti, si sono affermati negli ultimi anni repellenti chimici a base di Deet (Dietiltoluamide), la cui efficacia dura qualche ora. Le sostanze, oggetto di recenti studi e test clinici, alterano l’olfatto delle zanzare. Per cui i fastidiosissimi insetti, se non riescono a sentire che la ‘cena’ è pronta, non avremo nessun ronzio e nessun pizzico. Testando una vasta gamma di sostanze, i ricercatori hanno scoperto che alcune molecole (in particolare la 1-methylpiperazine) sono in grado di stordire l’olfatto delle zanzare, tanto da risultare completamente innocue. La sostanza, conclude la ricerca, è già presente in un certo numero di medicinali e cosmetici e ciò la rende potenzialmente facilmente idonea ad un largo uso futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.