Crea sito

Per un’Italia migliore, cittadini che eleggono altri cittadini.

()
di Caligola. La premiata ditta “Macelleria Sociale & Company” (PDL – PD – UDC) cambia l’insegna. Basta con rigore ed austerità, ora è possibile cambiare rotta. Dopo aver messo un “cappio all’economia” con una tassazione infernale; dopo aver “castrato” lo Statuto dei Lavoratori, svuotando l’art. 18: dopo aver “impoverito” la maggior parte delle famiglie, “Macelleria Sociale” si è convertita sulla via di Damasco. Cosa dire dei soci…
– Il PD che ora sbraita e promette riforme per 13 mesi ha permesso a “Macelleria Sociale” di portare avanti uno scellerato programma economico che ha prodotto solo disoccupazione, esodi, cassa integrazione e chiusure di piccole e medie imprese.
– Il PDL che critica il professore, qualche tempo fa lo reclamava leader della coalizione.
– L’UDC partito che si richiama ai principi cristiani (S. Francesco o Santa Inquisizione?) ha vantato la bontà della linea politica di “Macelleria Sociale”, continuando a sostenerla. In ogni caso l’UDC ha dimostrato almeno quella coerenza che manca agli altri due. La cosa veramente tragica è che andremo a votare col “porcellum” quella legge che giustamente il Capo dello Stato invitava i partiti a cambiare. Di questo si deve dare giustamente atto al Presidente Napolitano. Ora finita la bagarre candidature – a me a me… il seggio è mio e guai a chi me lo tocca!!! – ci sorbiremo un periodo di apparizioni televisive. I soliti: Daniela, Pierluigi, Rosy, il beato Silvio, ecc, ecc. che in tutte le trasmissioni possibili, ad esclusione dell’Amico dell’Ornitorinco, bucheranno i teleschermi. Prometteranno riforme, cambiamenti e per chi lavora spunterà il bel sol dell’avvenir. Nel frattempo l’esodato tira la cinghia e con lui il disoccupato e il cassintegrato. E chi lavora deve rigare diritto! Lo svuotamento dell’art.18 permetterà in ogni caso al datore di lavoro, di licenziarlo, delegando al giudice la possibilità di reintegrarlo o regalargli un indennizzo, finito il quale si arrangi come può. I grandi problemi inflazione, inquinamento, disoccupazione, dissesto idrogeologico, oppressione fiscale restano. Il prossimo esecutivo, in nome dell’emergenza, li lascerà lì. Nel frattempo aumenteranno bollette, RC Auto e chissà cos’altro. Un dato è certo, chi è in difficoltà continuerà ad esserlo, i sacrifici per i “soliti noti” non finiranno, e le banche continueranno a ricevere gli aiuti che andrebbero devoluti a famiglie e soggetti in difficoltà. L’unica speranza è che il prossimo Parlamento vari una legge elettorale degna di questo nome, restituendo all’elettore il suo diritto di scelta. Altra speranza è che alle prossime elezioni (amministrative e politiche) tanti partiti inizino a candidare massicciamente, operai, impiegati, contadini, massaie, ovvero anonimi cittadini comuni. Basta coi mestieranti della politica, sicuramente una saggia massaia al Ministero dell’Economia farebbe qualcosa di buono e soprattutto di sensato.

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.