Crea sito

Ma il jeans strappato va ancora di moda?

Un tempo ‘appena, appena’ si logoravano si gettavano via per comprarne un paio nuovi di zecca: belli, blu scuro, rigidi come tavolette di compensato, senza nemmeno una scoloritura e men che non si dica una qualche abrasione. Figurarsi poi uno strappo? Era da cambio merce o rimborso immediato! Ma la moda cambia e i tempi evolvono. E oggi, quella del “jeans strappato”, logoro e consunto è una tendenza alla quale neanche i più attempati sanno resistere! Il jeans strappato fa giovane e moderno ed è ancora molto cool, nonostante abbia gli anni della mia Fiat 500! Di conseguenza a chi si domanda se è superato e demodè, la risposta è: assolutamente no! Il jeans strappato e vissuto è terribilmente trendy. Ha quel non sò che di “trasandato/curato”, che può sembrare un controsenso inconciliabile, ma che in realtà funziona sempre. Per cui indossate pure i vostri jeans strappati, ma occhio, che lo strappo sia voluto e non semplicemente il risultato di un utilizzo ostinato e ripetuto dello stesso paio di jeans. L’occasione d’uso di un jeans strappato è decisamente informale! Che non vi salti in mente di indossarlo in ufficio… anche nel posto più libertino del mondo mostrare le gambe, così gratuitamente, non è il massimo! Ma quanto e dove deve essere strappato il jeans? Se la risposta è sì al jeans strappato, il consiglio è sempre quello di dosare sempre cum grano salis stile e buon gusto, senza mai esagerare. E’ assolutamente “out” lo strappo selvaggio che lascia le chiappe al vento. Vanno bene gli strappi sulle ginocchia e sulle cosce, assolutamente no a quelli tardo-adolescenziali sul sedere. Potrete anche avere il lato B alla Jennifer Lopez, ma non è il caso di mostrarlo ai quattro venti! Indossare dei jeans strappati sulle cosce risulterà, invece, divertente e giovanile, sulle ginocchia sbarazzino e molto casual. Ed eccoci arrivati alla fatidica domanda: se non avete voglia di comprarne uno già bello confezionato e strappato ad arte da mani esperte, non temete, realizzare un jeans strappato “self made” non è un’impresa impossibile! Un po’ di pazienza, carta vetrata e fantasia. Ecco gli ingredienti per realizzare in casa il vostro jeans strappato. Prendete il jeans, appoggiatelo su una superficie dura e iniziate a sfregare orizzontalmente con la carta vetrata le parti che vorrete consumare fino a strapparle. Il jeans inizierà a sfilacciarsi: dovrete essere quindi voi a scegliere l’effetto che preferite, ossia super strappato che lascia scoperto totalmente il ginocchio ad esempio, o semplicemente consumato, che lascia intravedere la coscia. Anche qui non esagerate: il mio consiglio è di non strappare totalmente la superficie del jeans, ma di lasciare intatti i fili che costituiscono la sua trama. Ci penserà il tempo e l’usura e fare il resto e a far venir fuori pezzi di voi in modo più evidente. Strappandolo troppo, infatti, il rischio è che alla prima corsa in bici quello che inizialmente era uno strappo soft si trasformi ben presto in uno squarcio che renda inutilizzabile il jeans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.