M5S, un movimento prima di scomposizione e poi di ricomposizione del quadro politico. Ma per chi gioca Beppe Grillo?

di Daniele Capezzone. Ma per chi gioca Beppe Grillo? Sia quando si trucca da Joker (e chi ha visto al cinema l’opera di Todd Phillips con Joaquin Phoenix sa che si tratta di una maschera tragica e disperata, oltre che assassina, nello svolgimento del film), sia quando si mostra falsamente paterno con un Di Maio che invece – politicamente – detesta da mesi, il comico trasmette la potente sensazione di non dire la verità, di non volerla o di non poterla dire.

Tanto era vero (magari brutale, detestabile, rozzo: ma certamente vero, autentico, comprensibile) il “vaffanculo” delle origini, tanto suona falso il suo modo di esprimersi di oggi. Volutamente attorcigliato, confuso, affannoso, con richiami irrazionali al “caso” e all’”entropia”: Grillo ha i contorni dell’uomo che non vuole o non può più spiegarsi.

Non spiega perché – ad agosto – abbia scelto il Pd che dichiarava di detestare. Non spiega perché entri ed esca dall’ambasciata cinese. Non spiega perché resti attaccato a un’esperienza di governo che sta distruggendo elettoralmente la sua creatura. Non spiega perché da mesi abbia spostato il suo movimento su posizioni di diligente e assoluta soggezione al mainstream europeista di Bruxelles.

Urla, ride, straparla, si agita: ma lo fa per nascondere, per non dire, per non spiegare.

Occorrerà tempo, e la distensione di un’analisi che solo gli storici potranno compiere, a suo tempo (e, da storici, appunto, dovranno farlo sine ira et studio: cioè con freddezza e serenità di analisi). Ma sarà necessario capire con chi si sia confrontato Grillo, fuori dall’Italia, in tutti questi anni. Chi – da fuori – abbia puntato le sue fiches  su un movimento prima di scomposizione e poi di ricomposizione del quadro politico. Chi – in Italia – sia stato un po’ soggetto e un po’ oggetto, un po’ attore e un po’ “agìto”, un po’ parlante e un po’ “parlato” (avrebbe detto Carmelo Bene) di tutta questa operazione.

3 commenti su “M5S, un movimento prima di scomposizione e poi di ricomposizione del quadro politico. Ma per chi gioca Beppe Grillo?

  1. Ma che paese da operetta, in un paese ome la Svizzera un comico avrebbe avuto un simile successo? Ma chi veramente spinge questo signore che non ha dimostrato grandi capacità politiche. Una cosa è certa lui ci guadagna in popolarità e lascia gli altri nella bagna.
    Siamo un paese da operetta, intanto i viadotti traballano che Paese 🙁 🙁 🙁 🙁 🙁

    1. Tesoro mio… ma li hai visti gli svizzeri? Li hai visti bene??? Li hai guardati in faccia??? Quelli non ridono perchè non sanno neppure di cosa stai parlando!

  2. Beppe Grillo mi ricorda S.Damiano che tira lapietra e nasconde la mano.
    Ha fondato un Movimento ma non ha voluto incarichi.
    Lo dirige ma da dietro le quinte.
    Ha messo dei giovani al governo ma luiè fuori dai problemi, si fa pubblicità e dirige.
    Però un tipo astutoilnostro Grillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.