Crea sito

L’Imu bussa alla porta di casa degli italiani!

Ormai l’Imu, l’imposta sugli immobili che sostituisce l’Ici, bussa alla porta di casa! Mancano un paio di mesi – la prima rata va versata entro il 18 giugno – e fino a pochi giorni fa non era ancora chiaro con quale aliquota dovesse essere pagata. Ora un intervento del governo ha dileguato l’incertezza stabilendo che alla prima rata verranno applicate le aliquote base (4 per mille sulla prima casa e 7,6 per mille sulle seconde case). E’ quindi possibile simulare un calcolo della prima rata. Prendiamo il caso di un contribuente con due figli che possiede:
• l’appartamento in cui abita (cat. A/2, 100 mq),
• un bilocale al mare (cat. A/3, 60 mq).
(clicca sulla tabella per ingrandire)

Ma attenzione alla seconda rata! Va ricordato però che i comuni possono aumentare o diminuire l’aliquota di uno 0,2% per la prima casa e del 3% per le seconde. Inoltre il governo si è riservato la possibilità di ritoccare l’aliquota base a seconda del gettito ricavato con la prima rata. Tutto questo significa che la seconda rata potrebbe essere più pesante. A dicembre cioè potremmo pagare il restante 50% con l’aggiunta dell’eventuale aumento dell’aliquota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.