Crea sito

Le idee innate.

()
Mi ha detto frocio… Se l’acqua e il fuoco si chiamassero diversamente, che so io, gina e pino, o se per paradosso col nome di fuoco si indicasse quel bene così prezioso che disseta, lava e alimenta la vita del mondo animale e vegetale, e se, per contro, col nome di acqua si chiamasse quello che arde e brucia sprigionando luce e calore, non cambierebbe di certo la realtà dell’acqua e del fuoco.
Chiamare “omosessuale”, “gay” o “frocio” un uomo che sessualmente si sente attratto da un altro uomo, non cambia di certo la natura di quell’uomo. Come pure, chiamare “di colore”, “nero” o “negro” un uomo di carnagione scura, non cambia di certo la natura di quell’uomo.
Cambia solo l’attribuzione dispregiativa o meno che s’intende dare di una realtà da parte di chi la nomina in maniera forbita o volgare.
L’essenza della natura non sta nel nome delle cose, e non muta a seconda di come la si chiama, in quanto essa è.
Il nome, la parola, rivela soltanto l’idea di chi con il suo vissuto e la sua soggettività, con la sua cultura e sensibilità, ha della realtà, che però resta vera, oggettiva e incontrovertibile, in quanto essa è.

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.