Crea sito

La fine del ceto medio.

()
La politica di oggi si nutre solo di numeri macroeconomici e di denari, tanti denari, troppi. La politica di oggi ignora le vere istanze dei cittadini: lavoro, pensioni, scuola, salute, sicurezza, giustizia, vivibilità sostenibile a fronte di salari e pensioni che tengano il passo con il caro vita. Oggi un famiglia di quattro persone che fa una passeggiatina per le vie del centro e vuole prendere un gelato si deve accontentare di quello microscopico da due euro, per una spesa totale di otto euro, che rapportati ad uno stipendio medio di 1.200 euro, sono una spesa! Quando mai una famiglia arrivava a spendere 16 mila lire per quattro coni gelato! Perché è ancora in lire che si deve ragionare quando si mette mano al portafoglio, dal momento che si guadagna il Lire ma si spende in Euro. Si incassa mezzo e si spende doppio!
E allora capita che mamma e papà, per non privare i figli del minimo indispensabile, facciano a meno del gelato: oggi rinunciano al gelato, domani al cinema o al parrucchiere, dopodomani a prendere l’automobile e dopodomani chissà a cos’altro ancora! Questa è la vita che la politica di oggi consente ai cittadini spremuti come limoni da un fisco ingiusto, che va a colpire sempre e soltanto i “soliti fessi”. Una politica che consente ai grandi gruppi di ingrassare, alle lobby di speculare, lasciando morire il ceto medio. La politica guarda soltanto al proprio tornaconto personale, ai numeri dell’economia, parla di crescita e di riforme, ma resta sorda al grido di dolore che sale dal ceto medio che giorno dopo giorno si vede trascinare sempre più in basso nella scala sociale. Operai, insegnanti e impiegati che non riescono più a mandare i figli all’università, a cambiare il vecchio frigorifero, a farsi otturare un dente, a pagare le spese sulla casa al mare e che non riescono neppure a venderla perché in Italia i soldi non circolano più dall’alto verso il basso, ma soltanto in alto. E dall’alto non piove più niente!

Vota questo post

Seguici sui social media!

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Freeskipper Italia

Freeskipper Italia - Il Social Network che fa opinione.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.