Crea sito

Gli dei dello sport. Omar Sivori

()

di Alberto Sigona. ENRIQUE OMAR SIVORI (ITALIA/ARGENTINA, 1935-2005) CALCIO. Era un fantasista geniale anni ’50-’60, formidabile nel dribbling (che eseguiva anche da fermo e nello stretto) e nel palleggio, abilissimo nel servire i compagni e nell’andare a rete. E’ ritenuto quasi all’unanimità uno dei più grandi di sempre nonché il più forte numero dieci della storia della Juventus, con la quale scrisse pagine leggendarie in compagnia di Giampiero Boniperti e John Charles, con cui compose un trio formidabile, probabilmente il più forte che sia mai apparso in Italia. John Charles, il Gigante Buono che fece la fortuna della prima Juventus moderna: con lui 3 scudetti e 2 Coppe ItaliaAlto solo 1,63, è stato il più grande calciatore italo-argentino di sempre, nonché il più “imponente” che abbia giocato in Italia sino all’avvento di Diego Maradona negli anni ’80. Famoso anche per il tunnel, che eseguiva con apparente inconsueta semplicità, fu Pallone d’Oro ’61, in un’epoca in cui si concorreva con mostri sacri come Di Stefano, Puskas e Suarez. Se solo fosse stato più continuo (e si fosse allenato con maggior serietà) ed avesse coperto maggiori zone del campo, avrebbe potuto contendere lo scettro di calciatore del secolo a Pelè, in quanto tecnicamente non era secondo a nessuno.
Sivori (argentino di origini italiane) esordisce nel 1954, in Argentina, col River Plate: in tre anni colleziona 63 presenze e 29 gol. Nel ’57 avviene il trasferimento alla Juventus. Indosserà la maglia bianconera in 257 partite (215 in A, 23 in Coppa Italia e 19 in Europa), segnando in 8 anni 170 reti (135 in A, 24 in Coppa Italia e 12 in Europa), col 66% di media realizzativa. Dopo aver vinto 3 Scudetti, nel ’65 passò al Napoli ed in 4 stagioni giocherà 76 partite condite da 16 reti. Si ritirò nel ’69 a 34 anni. Noto per il suo carattere rissoso, il suo campionato più prolifico fu il 1959-’60 (31-28). In totale coi club giocò 398 partite condite da 219 gol (55%). Per quanto concerne la Serie A, personalmente lo colloco al 2° posto di sempre, ponendolo innanzi a M. Platini, N. Liedholm, G. Nordahl, M. Van Basten, P. Maldini e G Meazza.
Con la maglia della Nazionale azzurra Sívori disputò in tutto 9 incontri, mettendo a segno 8 reti, di cui quattro contro Israele nel 1961. 19-9 è invece il suo bottino di presenze e gol con l’Argentina.

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

2 Risposte a “Gli dei dello sport. Omar Sivori”

  1. Repetita… Juventus! Caro Sigoma ma non hai niente di meglio da scrivere!? A volte è meglio tacere, che scrivere tanto per comparire sempre in prima pagina, non so chi ti legge: io non lo faccio, ma limito a segnalare questa continua e maniacale presenza su Freeskipper Italia.
    Ma forse il Signore in questione è uno della Redazione!?

  2. Questo ogni giorno c’ammorba con i suoi dei! Se consideriamo il numero infinito di atleti che annovera lo sport non solo italiano, ma addirittura quello mondiale, bè allora il Signore in questione non ce lo leviamo più di torno….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.