Crea sito

Gli dei dello sport. Louison Bobet

()

di Alberto Sigona. LOUISON BOBET (FRANCIA, 1925-1983) CICLISMO. Louison Bobet (123 vittorie, 19 nel ’55) è stato uno dei ciclisti più poliedrici della storia, in grado come pochi di eccellere sia nelle corse a tappe che nelle classiche, in salita (in cui a volte era capace di “ricordare” lontanamente Gino Bartali e Fausto Coppi: https://freeskipper.altervista.org/la-storia-del-tour-3/) come a cronometro. Negli anni ’50 vinse 3 Tour consecutivi (alla Gran Boucle vanta 11 tappe e 36 mg; un 3° posto finale), vincendo anche 2 tappe al Giro (10 mr), 1 Mondiale, 1 Roubaix, 1 Sanremo, 1 Lombardia, 1 Fiandre e 2 Titoli Nazionali. Fra i pochissimi ad aver conseguito in carriera il successo sia al Tour, sia al Mondiale, lo si può ritenere fra i primi dieci corridori d’ogni epoca, dietro a Gino Bartali, Fausto Coppi, Eddy Merckx, Bernard Hinault, Jacques Anquetil e Miguel Indurain (rispetto ai quali s’inchina più che altro per non aver mai vinto il Giro d’Italia), ma davanti ad Alfredo Binda, Chris Froome, Charly Gaul e tanti altri. Amatissimo dai tifosi francesi (solo R. Poulidor avrebbe riscosso un amore simile), è stato l’unico, assieme al solito Merckx (il principe dei recordman) ad aver trionfato, nell’arco dell’intera carriera, sia al Giro delle Fiandre che al Tour de France. Morì a soli 58 anni per un cancro.

Vota questo post

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.