Crea sito

Gli dei dello sport. Fritz Walter. di Alberto Sigona

di Alberto Sigona. FRITZ WALTER (GERMANIA, 1920-2002) CALCIO. È stato uno dei più grandi giocatori tedeschi di tutti i tempi (un simbolo per la rinascita della Germania dopo la Seconda Guerra Mondiale) nonchè uno dei migliori calciatori che il mondo abbia mai visto nascere. Fritz Walter era molto dotato tecnicamente, un artista con il pallone e un gran maestro di calcio, un playmaker avido di gol, il cui talento era messo in risalto da un incredibile rendimento e da una grande ambizione. Ha militato sempre nel Kaiserslautern (384 presenze e 327 gol, 85%) dal 1937 al 1959 (2 Scudetti), sino alla soglia dei 40 anni. Una stagione la concluse con 39 gol su 14 partite!!! Nel 1942, durante la Seconda Guerra Mondiale, Walter fu chiamato alle armi. Al termine del conflitto Walter si trovò incarcerato in un campo per prigionieri di guerra. Quando l’Armata rossa occupò la parte est dell’Europa, portò i prigionieri politici tedeschi nei gulag dove la speranza di vita era di circa cinque anni. Walter si salvò solamente perché una guardia disse ai russi che non era tedesco, ma austriaco.
Curiosità: in Germania è risaputo che Walter giocava meglio se le condizioni atmosferiche erano pessime, e così fu coniato il termine “tempo di Fritz Walter” per indicare le avverse condizioni atmosferiche in particolar modo la pioggia. Questo era dovuto al fatto che in tenera età contrasse la malaria e a causa di questa ragione egli non sopportava stare al sole.
In Nazionale (61-33, 3 ai Mondiali) fu iridato 1954: in quella edizione segnò una doppietta nella Semifinale vinta contro l’Austria 6-1.

Lascia un commento

VOTA QUESTO ARTICOLO*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.