E l’Italia divenne improvvisamente civile e affidabile…

Alessandro Gnocchi. Buongiorno, fino a qualche settimana fa l’Italia era retrograda, sull’orlo del fascismo, razzista e xenofoba. Da stamattina è invece meravigliosa. I giornali di oggi sono letteralmente incredibili, inclusi quelli che inizialmente sembravano contrari o scettici verso la nuova alleanza di governo Pd-5 stelle. La propaganda è entrata in azione, tutta in una volta, tutti assieme, un coro. Quello che fino a tre settimane fa era barbaro e irresponsabile oggi è civile e affidabile. Bastava che Salvini si levasse di torno (cosa che ha fatto da solo). Chiariamo: nessuno vuole difendere Salvini, chi se ne frega. Voglio solo osservare l’ipocrisia dei politici e purtroppo dei giornali.

Prima notizia. Ieri il presidente della Repubblica ha mandato un messaggio a Cernobbio per indicare la via maestra: rivedere il patto di stabilità. Con il governo precedente, la stessa richiesta era populismo. Oggi non più. Pazzesco.
Seconda notizia. Scoop di Repubblica. Esiste un patto Pd-5 stelle per rivedere la Costituzione. Non si potranno più aprire crisi al buio come quella aperta con gesto suicida dalla Lega. Le mozioni di sfiducia dovranno indicare in partenza la nuova maggioranza. Ragione del provvedimento: i governi cadono troppo facilmente; quello di Conte non farà questa fine. Fino a ieri, politici e soloni al seguito hanno ripetuto fino allo sfinimento che la manovra di palazzo che ha portato al Conte bis era il trionfo del parlamentarismo e non il mercato delle vacche (come si diceva a destra). Invece era il mercato delle vacche: per limitarne gli effetti, ecco le norme salva-governo.
Terza notizia. Dopo aver ottenuto la fiducia, Conte andrà a Bruxelles a chiedere la revisione del trattato di Dublino e contenere l’immigrazione, ripartendone i costi con i partner della Ue. Fino a ieri, i partner della Ue hanno risposto con una pernacchia. Siete stati così scemi da sottoscrivere Dublino, accollandovi gli immigrati? Fatti vostri. Ma ora, con il Conte bis, scrivono i commentatori, cambierà tutto, l’Ue ci srotolerà il tappeto rosso sotto i piedi.
Spero che sia così ma non ci credo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.