Crea sito

Coronavirus, gaffe dell’Oms: “Scusate, ci siamo sbagliati. Rischio globale elevato”!

di Redazione. “Scusate, ci siamo sbagliati”. Gaffe mondiale dell’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) che, pochi giorni dopo aver riunito il comitato d’emergenza per dichiarare non degno di allarme planetario il contagio nato in Cina, fa marcia indietro: “Il rischio globale derivante dal coronavirus cinese è elevato”, cancellando quel rischio moderato “erroneamente comunicato nell’ultimo rapporto”.

Quindi ‘Oms ammette l’errore e dichiara che il rischio globale derivante dal coronavirus cinese è “elevato” e non “moderato” come aveva scritto negli ultimi rapporti. 

La Commissione sanitaria nazionale cinese ha detto nei suoi aggiornamenti quotidiani che i casi d’infezione accertati sono saliti a 4.515 unità, quasi raddoppiati in 24 ore sulle 2.744 unità di ieri.
La commissione ha confermato 26 nuovi decessi, a quota 106 totali, secondo quanto è già emerso stamani dalle comunicazioni della Commissione sanitaria di Wuhan. Allo stato, ci sono quasi 7.000 casi sospetti in attesa di conferma.

PSICOSI IN FARMACIA. Le mascherine protettive, da ieri, risultano sold out in varie farmacie di Roma che hanno pure esposto cartelli informativi. Ma da Federfarma rassicurano: saranno presto di nuovo disponibili e non si registra una carenza di scorte. A chiedere le mascherine sono soprattutto persone in partenza e dirette in aeroporto, oltre ai turisti. È scattata una sorta di psicosi, come già accadde ai tempi della Sars.

CANCELLAZIONI DI MASSA. Intanto le agenzie di viaggio italiane lamentano una cancellazione totale dei viaggi per la Cina. La Fiavet assicura che non verranno applicate sanzioni ma alle associazioni dei consumatori vengono segnalati casi opposti.

TASK FORCE CAPITALE. Sempre a Roma sono 150 i medici che hanno risposto all’appello del Ministero della Salute: costituiscono una task force pronta ad entrare in gioco in caso di vera emergenza.

NESSUN VACCINO. “Non abbiamo un vaccino, non abbiamo una terapia ma abbiamo una cosa non da poco: possiamo fare la diagnosi della malattia. Con l’Hiv per tanti anni non abbiamo avuto questa possibilità. Ora non dobbiamo far arrivare il virus in Italia – ha detto il virologo Roberto Burioni ospite a Radio24 -. L’unica cosa che può difenderci è la quarantena”.

AUMENTA IL TERRORE. A Pechino si registra il primo morto: la vittima, di 50 anni, si era recata a Wuhan l’8 gennaio, gli era stata diagnosticata la polmonite atipica il 22 gennaio. Tre nuovi casi sospetti in Austria, mentre ci sarebbe il primo contagiato in Africa.

ITALIANI IN CINA. Esclusa per gli italiani bloccati in Cina l’idea di un “trasferimento via terra, che implica quarantene piuttosto complesse”, la Farnesina “sta valutando insieme anche con altri soggetti tra cui l’istituto Spallanzani, il ministero della Sanità e il centro interforze l’idea di un trasferimento aereo”, che comunque “sarà complesso”. Lo ha detto il capo dell’Unità di Crisi Stefano Verrecchia, a Unomattina. “Siamo sempre in contatto con i connazionali – ha detto – che sono circa una settantina in buone condizioni di salute”.

E’ previsto per dopodomani un primo rimpatrio di cittadini francesi da Wuhan. “Un primo aereo di rimpatrio partirà domani da Parigi per rientrare probabilmente giovedì, con persone che non presentano sintomi”, ha dichiarato il segretario di Stato ai Trasporti, Jean-Baptiste Djebbari, ai microfoni di CNews. Djebbari ha aggiunto che ci sarà successivamente un “secondo volo”, con date ancora da determinare, “con persone potenzialmente affette dal virus”

In considerazione dell’epidemia del nuovo coronavirus, i cittadini cinesi sono inviati a evitare i viaggi all’estero per garantire “salute e sicurezza” di cinesi e stranieri. E’ il messaggio della National Immigration Administration cinese, secondo cui la riduzione dei movimenti trans-frontalieri può aiutare a prevenire e controllare la diffusione della polmonite causata dal coronavirus 2019-nCoV, il cui focolaio è stato trovato a Wuhan. In una nota, l’amministrazione chiede di “spostare i viaggi all’estero non necessari”.

4 Risposte a “Coronavirus, gaffe dell’Oms: “Scusate, ci siamo sbagliati. Rischio globale elevato”!”

  1. Ora come ora la peste non nasce da noi, ma ci arriva per affarismo. E ora come allora ne sono complici trafficanti e traffichini della globalizzazione nostrani, i quali, dimentichi di respirare la stessa aria dei loro (odiati) connazionali, non hanno remore a pagare, oltre che a far pagare, lo scotto più alto di tanta avidità.

    L’unico rimedio per far fronte a questa sciagura autoindotta è non perdere di vista la logica e l’effettualità dei fenomeni, guardando ad essi solo coi nostri occhi e ragionandoci solo animati da libero arbitrio. Sfruttando soprattutto le fonti verificabili quali pitture, mosaici, tradizioni popolari, rilievi geologici, geografici e filologici. Il mondo classico è oggettivamente considerabile il più pulito e salubre di sempre, non foss’altro che per la grande disponibilità d’acqua che da millenni irrora le nostre latitudini (il che naturalmente ci viene rimproverato da chi preferirebbe sottrarla al proprio bidet per annaffiarci qualche ortica nel deserto).

    Insomma le terme le abbiamo inventate noi, e nell’antichità non v’è traccia di epidemie o morie generalizzate che non fossero attribuibili a guerre. Ebbene al di là delle dietrologie cospirazioniste (ma non per questo necessariamente assurde), come l’ipotesi di esperimenti batteriologici et similia, quel che è certo è il binomio fra nascita del coronavirus cinese e le abitudini igienico-alimentari a base di serpenti e pipistrelli di quella cultura, robe che senz’altro suoneranno “chic” ed “etnic”in certi salotti relativisti e globalisti, ma che altrettanto non gioveranno alla nostra salute. Che Dio ce la mandi buona, visto che noi facciamo di tutto per mandarcela pessima.

  2. Chiediamo con urgenza che oggi stesso il governo venga in Aula a rassicurare gli italiani che si sta facendo tutto il possibile per evitare la diffusione di questo terribile virus anche in Italia.

  3. Nuovo caso di contagio da uomo a uomo del coronavirus, stavolta in Giappone dove un uomo che non ha viaggiato di recente in Cina ha contratto il nuovo virus dopo aver fatto da guida per dei turisti cinesi arrivati da Wuhan, dove è iniziata l’epidemia. Lo hanno reso noto le autorità nipponiche. L’uomo, sulla sessantina, di Nara, nel Giappone occidentale, è ricoverato da sabato. In totale sono sei i casi registrati finora in Giappone.

  4. “La Cina ha intrapreso una lotta seria contro il coronavirus definito un “demone” e non terrà nascosta l’epidemia: lo ha detto il presidente cinese Xi Jinping

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.