A Washington, Salvini dovrà chiarire il pasticcio cinese.

di Daniele Capezzone. Nel giorno in cui Matteo Salvini va a Washington, più che mai l’Italia è chiamata a chiarire (non solo agli Usa, ma soprattutto a sé stessa) il senso di uno svarione geopolitico compiuto dal governo un paio di mesi fa, e cioè la mega-intesa con il presidente cinese Xi Jinping. Della quale – intendiamoci bene – Salvini non ha responsabilità particolari: anzi, saggiamente, in quei giorni, si è tenuto alla larga dalle cerimonie ufficiali, arrivando a marcare un suo dissenso politico. Ma la frittata – intanto – era già stata fatta, anche con il contributo determinante di un sottosegretario considerato in quota leghista, Michele Geraci.

Nessuno impediva all’Italia di fare affari con la Cina (dalla Francia alla Germania, tutti fanno business con Pechino in modo robusto e sistematico): ma correre a siglare in mondovisione la nostra adesione al progetto cinese di Via della Seta è stato uno schiaffo geopolitico all’Amministrazione Trump. È come se il leader cinese, neanche troppo subliminalmente, avesse detto: “Caro Donald, sono entrato in casa dei tuoi amici, e ne sono divenuto l’ospite d’onore e il partner principale”.

Per carità, nessuno può disdegnare investimenti cinesi. Ma il punto è: il gioco vale la candela? Può essere utile una partecipazione cinese in un porto italiano se poi gli Usa decidono di tagliar fuori quel porto dai loro commerci? O – peggio – se arrivano a escluderci dal circuito delle informazioni sensibili sul piano militare e della sicurezza?

Per non dire delle tlc e del 5G, la nuova grande sfida delle comunicazioni, che non ha solo valenza commerciale, ma incarna la competizione geopolitica dei prossimi anni. Non si può stare un po’ di qua e un po’ di là, tra Washington e Pechino: occorre scegliere la metà campo in cui giocare, e per noi l’ambito naturale è quello occidentale e atlantico.

A meno di voler consegnare un ideale (ma – al momento opportuno – quanto mai concreto) “interruttore” a Pechino, che a quel punto avrebbe un occhio e un orecchio permanenti nella nostra rete di comunicazioni, innervandosi nel sistema dei pagamenti, in quello bancario e postale, nelle infrastrutture critiche e militari, e così via.

La generazione a cui appartengo è stata disabituata a pensare il mondo in termini di sfere geopolitiche contrapposte. Tanti, troppi, hanno creduto alla “fine della storia”, a un irenismo segnato dal trionfo definitivo dei valori occidentali. Purtroppo, non è andata così. Non è dunque una buona idea consegnarsi all’autocrazia comunista cinese. E meno che mai dare questa sensazione ai nostri alleati (e almeno un paio di volte, salvatori), gli Stati Uniti d’America.

Un commento su “A Washington, Salvini dovrà chiarire il pasticcio cinese.

  1. Faccio parte di un governo che in Europa non si accontenta più delle briciole. Ragioneremo anche dei problemi che si stanno vivendo all’interno dell’Ue. Possiamo decidere come modularla negli anni, ma un taglio delle tasse ci deve essere assolutamente. Convinceremo la Ue con i numeri, la cortesia, altrimenti le tasse le taglieremo lo stesso, e la Ue se ne farà una ragione. L’Italia vuole tornare a essere nel continente europeo il primo partner della più grande democrazia occidentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.