Crea sito

A chi sperava che i mali della Iª e della IIª Repubblica fossero stati estirpati…

di Maurizio Buccarella, M5S. Dopo Scajola ecco la nuova tangentopoli delle ‘larghe intese’ sugli appalti Expo 2015. Il Movimento5Stelle in tempi non sospetti aveva denunciato con forza come l’Expo fosse un “tangentificio” a forte rischio corruzione e infiltrazioni mafiose: “Grandi Opere”…grandi tangenti! In carcere questa volta tra gli altri sono finiti l’ex Pci Primo Greganti, già coinvolto in Mani pulite vent’anni fa e l’ex senatore Pdl Luigi Grillo. Gli atti parlano di “cene ad Arcore con Berlusconi e contatti con Cesare Previti”. Queste notizie confermano come sia necessario approvare quanto prima, come già proposto una settimana fa dal Movimento5Stelle, una nuova e seria legge anti-corruzione. E’ questa la vera riforma! In Parlamento sono già depositati diverso disegni di legge del Movimento5Stelle: l’846 (sul riciclaggio e autoriciclaggio), 851 (corruzione settore privato), 847 (concussione, corruzione e abuso d’ufficio), ddl 868 (Disposizioni in materia di falso in bilancio), ddl 848 (traffico influenze illecite). Pd e Forza Italia invece nelle scorse settimane non hanno saputo far altro che indebolire il 416ter diminuendo le pene. Visto che siamo pragmatici chiediamo anche che venga messo in discussione il disegno di legge numero 19 depositato al Senato dal PD: che riguarda proprio la corruzione e la lotta al riciclaggio. Cosa si aspetta? L’unica vera riforma da attuare ora entro maggio come rilanciato da Mario Giarrusso (M5S) una settimana fa è un serie legge anti-corruzione!
__________________________________________________________________________________________
A CHI SPERAVA CHE I MALI DELLA Iª E DELLA IIª REPUBBLICA FOSSERO STATI ESTIRPATI… Nuovi e vecchi arresti? Nuovi e vecchi indagati? Nuovi e vecchi furfanti? La fabbrica del malaffare e della corruzione è inarrestabile, non conosce crisi e sforna farabutti a ciclo continuo. 
Poveri illusi coloro che credono ancora alle parole dei venditori di pentole! 
Le metastasi continuano a svilupparsi implacabilmente in tutti i settori dell’economia, della burocrazia e della politica italiana, da destra a sinistra senza distinzioni di sorta. 
Ma l’Italia ce la farà a sopravvivere ad un cancro che la sta divorando di Repubblica in Repubblica – c’è chi sostiene che siamo entrati nella Terza Repubblica!? – mangiandosela fino al midollo? Riusciranno gli italiani ad adottare interventi drastici come l’asportazione delle parti malate del Paese che hanno causato la malattia e che lo stanno portando al collasso? 
C’è chi continua a votare gli stessi che hanno fatto ammalare il Paese, ignari che presto, anche loro, verranno divorati dal cancro. Continuare su questa strada, o peggio ancora, nascondere la testa sotto la sabbia e far finta di niente è puro autolesionismo, perché il male avanza, non si ferma, e quando costoro decideranno di prendere coscienza della realtà sarà troppo tardi.
C’è chi critica ferocemente il MoVimento5Stelle perché non si allea con le metastasi, ma cerca di debellarle. Probabilmente costoro sperano che anche il M5S si incancrenisca per poter continuare a fare i loro porci comodi. 
Ma chi ha votato e andrà a votare il MoVimento non vuole nessuna alleanza con queste metastasi, ma chiede delle drastiche amputazioni del “Sistema-Italia”, per cercare di salvare il salvabile. 
Ormai siamo alla resa dei conti: o loro o noi! E’ una questione di sopravvivenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.