Crea sito

Tutti vorremmo riaprire Tutto! Ma purtroppo i numeri consigliano di attendere ancora.

di Redazione. Nessuno, e questo deve essere ben chiaro, ci gode a restare chiuso in casa rinunciando alle proprie abitudini e soprattutto alle proprie entrate economiche. Neppure il più inguaribile dei “divanisti”.

Ma tutti i numeri, centinaia di morti, di contagi, di uomini e donne che si ammalano di Covid, impongono la massima cautela. Oltretutto in un momento in cui aspettiamo di poterci vaccinare tutti quanti nel più breve tempo possibile. Dopo tante privazioni e sofferenze, e proprio adesso che si comincia a scorgere la luce in fondo al tunnel, sarebbe da sconsiderati buttare alle ortiche più di un anno di sacrifici.

Eppure c’è chi per ragioni esclusivamente di bottega cavalca il malcontento per farsi propaganda e per racimolare qualche punto di consenso elettorale nei sondaggi. Come se soltanto loro volessero tornare ad una vita normale, come se soltanto loro volessero riaprire tutto, dai ristoranti, alle piscine, alle palestre, dalle scuole, agli uffici, dai cinema, ai teatri, agli stadi, e invece tutti gli altri ci godessero a restare dentro casa e a tenere chiusa mezza Italia.

Invece di unirsi, di fare squadra per cercare di placare gli animi e di trovare modo e maniera per far arrivare in Italia quante più dosi possibili di vaccino, soffiano sul fuoco gettandovi sù benzina!

Insomma, fanno come quei bambini dispettosi che vogliono uscire fuori di casa a tutti i costi, nonostante le raccomandazioni di mamma e papà, quando i genitori glielo vietano non per un loro capriccio, ma per il loro bene, non perchè sono dei crudeli aguzzini, ma perchè li amano più della loro stessa vita.

Ma un giorno quei bambini cresceranno e quando saranno diventati uomini e donne maturi, apprezzeranno i “NO” dei loro genitori, perchè erano imposti per il loro bene e perchè è grazie a quei “NO” che sono diventati grandi.

Così confidiamo che l’elettore italiano, quando ci permetteranno di tornare al voto, sappia  riconoscere i meriti di chi in questi drammatici giorni di divieti e chiusure, sta lavorando per il bene dei cittadini, anche adottando misure fortemente impopolari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.